FONTE: brochure “I Malavoglia a Belpasso”

Immagine

Dopo il successo di Catania, stasera, domenica 2 settembre, alle 21,15 all’Arena Caudullo, anche a Belpasso andranno in scena “I MALAVOGLIA” di Giovanni Verga, grande affresco sulla vita della gente di mare nell’interpretazione di Mario Pupella, attore di grande esperienza e molto noto. Biglietto 8 euro – Posto unico. Info e prenotazioni 3202746916


(Mario Pupella). Questo allestimento è un atto d’amore verso un capolavoro della nostra letteratura, ma anche la realizzazione di un sogno. Da più di vent’anni pensavo di estrarre da “I Malavoglia” una trasposizione teatrale nel convincimento che il TEATRO possa e debba contribuire a salvare dalle ingiurie del tempo e dall’oblio i grandi episodi della letteratura.

Come tutti i veri atti d’amore è stato anche una (entusiasmante) fatica: dalle innumerevoli albe  dedicate alla scrittura del testo, agli ultimi convulsi giorni di prove.

 Raccontare in un palcoscenico la saga di una famiglia di poveri pescatori vinti che “soffrono e sperano ” non è stato facile. Nell’assoluta mancanza di unità di tempo, di luogo e di azione (la vicenda si svolge in un periodo compreso fra il 1863 ed il 1875), ho dovuto, come al cinema, seguirne l’evolversi cronologico in 38 scene ed un prologo.

 Ho cercato di alleviarvi il disagio di una eccessiva frammentazione riducendo al minimo indispensabile i momenti di buio in dissolvenza che, come in un film, segnano il passaggio da una scena all’altra, da uno spazio temporale all’altro. Ai miei attori ho chiesto una recitazione di verità che vi faccia quasi sentire l’aumento del “battito cardiaco” del personaggio all’esplodere di una emozione, per meglio restituirVi i sapori e profumi di una cultura ormai scomparsa,
distrutta dalla plastica e dalla televisione. Spero di essere riuscito a cogliere e conservare in questo mio adattamento l’intimo e musicale ritmo che è il fulcro della potenza e della suggestione del romanzo di Verga ed anche quel tono “fatale”, da antica tragedia, di quel giuoco di destini che si incrociano senza incontrarsi mai.

MARIO PUPELLA

 Nei tre minuti di pantomima della seconda parte ho racchiuso circa 60 pagine del romanzo: è il momento in cui le cose per i MALAVOGLIA sembrano andare bene. Padron’Toni guarisce dall’incidente, le attività di pesca e del negozio di frutta prosperano, ma nel contempo cresce l’odio di ’NToni per Don Michele.

 Poesia degli umili, “I MALAVOGLIA” mi hanno suggerito di “cantare “il motivo del mare“…che non ha paese nemmeno lui, ed è di tutti quelli che lo sanno ascoltare, di qua e di là, dove nasce e muore il sole…” e che domina nell’ampio cenario del romanzo “…ora russando in fondo alla stradicciuola, adagio, adagio, ora muggendo attorno ai faraglioni che pareva ci fossero riuniti i buoi della fiera di Sant’Alfio.”

Io e tutti coloro che hanno, a vario titolo, collaborato alla messa in scena ci sentiremo appagati se saremo riusciti ad accendere in Voi, anche in piccola parte, le emozioni bellissime che il profondo incontro/confronto con il capolavoro di Verga ci ha regalato.

 

“I MALAVOGLIA” di Giovanni Verga
adattamento di Mario Pupella
con 

ASSUNTA BATTAGLIA                     MARUZZA
ALESSIO CORSO                                ALESSI
PAOLA DI MARCO                             MENA
MARTINA GALIONE                          LIA
FRANCESCO GRISAFI                       ALFIO MOSCA
MIRKO INGRASSIA                           ‘NTONI
DANIELA PUPELLA MELLUSO        LA VESPA
LAVINIA PUPELLA                             BARBARA
MARIO PUPELLA                                PADRON ‘NTONI
BENEDETTO RANELI                        ZIO CROCIFISSO
ANTONIO RIBISI LA SPINA              PIEDIPAPERA
AGNESE RINCIONE                           VENERA 
CICCIO RUSSO                                   LUCA
MASSIMILIANO SCIASCIA              DON MICHELE

Gaetano Perricone

Leggi tutti gli articoli