di Antonio De Luca

Da diverso tempo il Cratere di Sud-Est dell’Etna mostra segni di attività, che potremmo definire flebili e discontinui, ma nel pomeriggio del 20 agosto 2020 ha subito una piccola impennata, con l’aumento delle esplosioni e la formazione di una nube di cenere continua che si è spostata in direzione sud-est.

Ho ripreso le emissioni di cenere dalla zona Milia, sul versante sud-occidentale, poi mi sono spostato a Paternò per fare qualche ripresa alle Salinelle dello Stadio, giusto in tempo per godermi i bellissimi colori del tramonto con la colonna scura dell’Etna sulla sfondo. Pur trattandosi di una piccola attività, ci lascia sempre una bella emozione.

ETNA – SICILIA – ITALIA

Copyright – 2020

PassioneEtna ® Antonio De Luca

(tonyetna@hotmail.it)

Aggiornamento dal blog INGVVulcani: “Nel pomeriggio del 20 agosto 2020 è iniziata una prolungata fase di emissione di cenere dal “cono della sella” sul Nuovo Cratere di Sud-Est dell’Etna. Questa attività ha generato un pennacchio di cenere che è stato spostato dal vento prima verso sud-sudest e successivamente, in serata, verso sud, causando leggere ricadute di cenere fino a Catania. L’emissione di cenere è cessata in tarda serata.  Nelle prime ore del 21 agosto è avvenuto un nuovo episodio di attività stromboliana alla medesima bocca, che ha generato poca cenere vulcanica. Tuttavia, i boati prodotti da questa attività si sono sentiti fino a più di 20 km di distanza sul versante meridionale del vulcano”.

Antonio De Luca

Leggi tutti gli articoli