di Santo Scalia

Santo2019-197x300

Si trova ad appena 77 chilometri a sud del capoluogo siciliano, nel territorio comunale di Giuliana, un comune della città metropolitana di Palermo, di 1.875 abitanti.

L’abitato di Giuliana (Foto S. Scalia)
L’abitato di Giuliana (Foto S. Scalia)

Appena fuori dal paese, lungo la Strada Provinciale 108, poco prima che questa confluisca nella Strada Statale 188, in prossimità di un tornante si trova esposta una sezione, lunga quasi un’ottantina di metri, che mostra splendide formazioni geologiche: vi affiorano depositi di lave sottomarine, le cosiddette pillow-lavas o lave a cuscino, dovute ad attività eruttive risalenti a circa 135 milioni di anni fa (Giurassico-Cretaceo inferiore). Altre pillow-lavas si possono trovare anche in prossimità della vetta del vicino Monte Genuardo, che si trova ad occidente di Giuliana, a circa 5 chilometri.

Il sito delle pillow-lavas sulla SP108 (Foto I. Scalia)
Il sito delle pillow-lavas sulla SP108 (Foto I. Scalia)

Le lave a cuscino sono generate dal consolidamento della massa fusa in ambiente subacqueo: sono formazioni particolari, nelle quali meccanismi molto complessi, relativi al raffreddamento che avviene in tempi estremamente brevi, conducono alla costruzione dei cosiddetti pillows.

Lava a pillow (foto S. Scalia)
Lava a pillow (foto S. Scalia)

Queste morfologie sono «caratterizzate da una configurazione in masse subsferoidali schiacciate e compresse le une sulle altre; in seguito al rapido raffreddamento della massa fusa, si formano in ogni cuscino strutture concentriche a fessurazione radiale, costituite da strati vetrificati esterni fino a un nucleo microcristallino» (Treccani).

Il Dipartimento Regionale dell’Ambiente dell’Assessorato del Territorio e dell’Ambiente, nel suo Elenco siti di interesse geologico, ha censito l’interessante affioramento di pillow-lavas come Lave a Cuscino di Giuliana, con la sigla NAT6GU0075.

Un’ampia documentazione fotografica delle lave a cuscino di Giuliana si può vedere nella Fotogallery e con il titolo. Tutte le immagini lì proposte sono dell’Autore.