(Gaetano Perricone). Recupero dal web questo bellissimo, prezioso e ampio documentario di tre anni fa di Antonio De Luca, grande appassionato e attento studioso della Muntagna, che ci racconta in modo chiaro e semplice, con ottima grafica e testo accattivante, l’appassionante storia eruttiva dell’Etna dal 1600 al 2013. Con il più vivo apprezzamento per il bravissimo Tony, che ha nella serietà e nella grande umiltà le sue doti migliori, propongo ai cari lettori del mio Vulcanico questo lavoro estremamente interessante, che ritengo possa essere utilissimo sotto il profilo divulgativo anche per le scuole. A seguire, il breve testo di accompagnamento dell’autore per il video su youtube.

Tony De Lucadi Antonio De Luca

Sull’Etna un ruolo fondamentale per lo studio dell’attività è rappresentato dalla cartografia. Da secoli si registrano i cambiamenti del vulcano, sia a livello descrittivo che grafico. Il primo a creare una mappa dettagliata dell’Etna fu Wolfgang Sartorius durante il diciannovesimo secolo, in seguito le cartine si sono perfezionate sempre di più, fino a giungere all’era moderna con i continui aggiornamenti emessi dall’ INGV di Catania.
Questo documentario racconta la storia eruttiva dell’Etna compresa tra il 1600 e il 2013, raccontando graficamente tutte le eruzioni avvenute in questo grande lasso di tempo.
Non è possibile risalire ad eruzioni precedenti, perché il diciassettesimo secolo è stato il primo in cui è cominciata una documentazione omogenea delle attività eruttive, inoltre le eruzioni più antiche sono state in buona parte seppellite dai prodotti successivi, senza che nessuno potesse definirne la forma originale. Ogni anno vengono prodotte nuove colate, che sigillano per sempre quelle vecchie sotto la crosta del vulcano. Quello che vedete è il risultato di un lavoro lungo e complicato, non è stato semplice raccogliere questa grande mole di dati ed in seguito unire tutte le cartografie realizzate sull’Etna, trasformandole in una sequenza animata. Una preziosa testimonianza di come l’Etna nel giro di quattro secoli abbia rimodellato parte della sua superficie.
Per approfondire:

– Per tenervi aggiornati sulle mappature e sulle notizie relative al nostro vulcano controllate il sito ufficiale dell’INGV di Catania:
http://www.ct.ingv.it/it/

– Potete osservare in maniera molto dettagliata il bellissimo disegno dell’eruzione del 1669 conservato all’interno della cattedrale di Catania a questo indirizzo: http://www.antoninodelpopolo.it/affre…

– Un libro molto interessante che tratta dell’Etna e della cartografia dedicata al vulcano è : “Le eruzioni dell’Etna nell’opera di Orazio Silvestri”

Antonio De Luca
(tonyetna@hotmail.it)

PassioneEtna – 2014

Antonio De Luca

Leggi tutti gli articoli