LEONARDO PATTI

di Leonardo Patti

Nel giorno in cui avrebbe festeggiato il suo 75esimo compleanno, il ricordo di Lucio Dalla, nonostante  i  sei  anni trascorsi dalla sua scomparsa, provoca sempre una forte emozione e commozione  per il senso di mancanza che tutti  portiamo nel cuore.

Il racconto della sua vita è stato in questi anni scandagliato da numerosi reportage, libri, articoli e documentari, tra cui il docufilm di Mario Sesti Senza Lucio”, in gran parte realizzato in Sicilia per il profondo rapporto che Lucio Dalla ha intrattenuto con l’isola.

“Il suo cuore è scoppiato per troppa vita”, racconta nel sopracitato documentario Marco Alemanno, compagno e collaboratore di Lucio Dalla ed in realtà la vitalità, la semplicità e la generosità sono stati gli elementi che hanno caratterizzato la vita e l’azione del cantautore.

LOCANDINA_FILM_SENZA_LUCIO-178
La locandina del film “Senza Lucio”, di Mario Sesti

Un esempio, tra i tanti, che mi viene  in mente è la lectio magistralis sul tema del mito e delle leggende che  Lucio Dalla ha tenuto nell’estate del 2011 al Castagno dei cento cavalli, scaturita e preceduta da una proposta estemporanea dal poeta  Angelo  Scandurra e dal sottoscritto ed immediatamente raccolta, che costituisce un vero e proprio  testamento  sulla passione che esercitava la Sicilia, isola del mito, nel cuore e nella mente del più grande cantautore italiano.

Era grande il suo amore per l’Etna. Indimenticabili le sue visite mattutine dalla casa di Milo al  bar del defunto Vittorio Papotto di Sant’Alfio per  consumare il cappuccino con una pallina di gelato di nocciola e godersi il cielo stellato dalla piazza del paese, a quell’ora deserta, e sentirsi un angelo; oppure in compagnia del suo compagno a farsi preparare all’ombra del Castagno dei cento cavalli, a pranzo, un’insalata di cavolo cappuccio dal titolare del chioschetto della piazzetta antistante.

Un uomo semplice e generoso, ricco di talento, animato da infinita curiosità, alla portata di tutti, dal cuore grande che ha cessato per troppa vita. Ciao Lucio !

Con il titolo: Lucio Dalla con Leonardo Patti e Angelo Scandurra.

(Gaetano Perricone). Grazie di cuore dal Vulcanico a Leonardo Patti, che di Lucio Dalla è stato amico etneo, per questo breve, ma intenso, delicato e appassionato ricordo di un artista straordinario, che ha accompagnato con le sue memorabili canzoni i migliori anni della nostra vita, ma anche personaggio amabile e alla mano, “uomo dell’Etna” come gli piaceva definirsi. E grazie anche per le belle foto, che abbiamo messo insieme in una gallery che resterà preziosa e indimenticabile e che è il modo migliore per ricordare l’immenso Lucio in questo giorno speciale,  settantacinque anni dopo la sua nascita in quel celebre “4 marzo 1943”.