Rosariodi Rosario Catania

L’Aurora dell’Etna (Anthocharis damone) è una bellissima farfalla endemica, oggi a rischio d’estinzione a causa delle modifiche degli ambienti naturali in cui vive. Il suo nome deriva dalla presenza sulle ali di una macchia arancione che ricorda il sorgere del sole, cioè l’aurora. Rappresenta un vero e proprio simbolo della splendida biodiversità del patrimonio naturale etneo.

In questo periodo è probabile osservarla nei boschi etnei e nei parchi suburbani , come il cratere Monteserra a Viagrande. È comunque un momento emozionante vederla in volo tra le ginestre, considerata la sua ormai rarità. Mi è capitato ieri sull’Etna, a quota 1500 metri in località Piano Fiera – Monte Intraleo. Direi un colpo di fortuna che l’abbia visto volare a pochi metri dal mio inseparabile smartphone. Ho subito informato  Susanna Caruso, direttrice responsabile della Casa delle Farfalle presso il parco Monteserra di Viagrande, che mi ha confermato che si trattava di un esemplare maschio di Anthocharis damone. Se avessi avuto una reflex l’avrei immortalata come merita, in questi casi, una bellissima farfalla come l’Aurora dell’Etna!

Dal 2007 l’Associazione Amici della Terra svolge, presso la Casa delle Farfalle di Viagrande (CT) e la Bufferfly Arc di Montegrotto Terme (PD), un progetto di ricerca scientifica che si avvale della consulenza del dottor Enzo Moretto – entomologo di fama internazionale –  e della collaborazione con il Ministero dell’Ambiente e della Tutela del Territorio, Università di Catania e UIZA (Unione Italiana Zoo e Acquari). Lo scopo è quello di individuare le cause del preoccupante decremento demografico della farfalla e di incrementarne la popolazione.

Ed ecco il breve, ma quanto mai emozionante video, che ho girato ieri a Piano Fiera.

 

Rosario Catania

Leggi tutti gli articoli