CON SARA E ORIANA
Foto ricordo con Oriana Civile e Sara La Rosa al Teatro di Naso
(Gaetano Perricone). “Io sto con la Famiglia Manca e con tutte le famiglie alle quali hanno strappato impunemente gli affetti più cari per sporchi interessi clientelari che nulla hanno a che fare con la collettività, anzi la danneggiano soltanto! Io sto con la Famiglia Manca e insieme a loro chiedo a gran voce Verità e Giustizia per tutti coloro che ancora le aspettano!!!”
Sta in queste parole forti e chiare, scritte in occasione del 14esimo anniversario della improvvisa e misteriosa morte di Attilio Manca, il senso della denuncia di Oriana Civile, la grande artista di Naso che insieme ai familiari e amici sta conducendo da anni una battaglia pubblica per la ricerca della verità. Attilio, giovane e brillantissimo urologo originario di Barcellona Pozzo di Gotto fu ritrovato cadavere il 12 febbraio 2004 nella sua abitazione di Viterbo. L’autopsia certificò la presenza nel sangue di eroina, alcol etilico e barbiturici. Il caso fu inizialmente ritenuto un’overdose, poi è stato archiviato come suicidio. I genitori si sono opposti all’archiviazione sostenendo che il figlio fosse stato ucciso per coprire un intervento subito dal defunto capo di Cosa Nostra Bernardo Provenzano a Marsiglia.
Nel video che qui pubblichiamo, girato il 18 marzo scorso all’Auditorium Rai di Palermo in occasione di “Un brano a testa 2.0 – Tributo a Gianmaria Testa” con la sapiente regia dell’amica Gabriella Guarnera, Oriana Civile (evidentemente emozionata) esegue il suo stupendo brano “Attilio manca”, dedicato all’urologo barcellonese, che ci piace molto farvi ascoltare. Ringraziamo con grande stima Oriana, nella foto con il titolo stretta in un caloroso abbraccio con Angela, mamma di Attilio Manca.
A seguire, il bel testo della “canzuna” dal semplicissimo titolo “Attilio manca”.
manca-attilio-3
Attilio Manca

Attiliuzzu, cona d’oru
Comm’ê fari senz’i ti

Mi lassasti sula e moru
Commu cani a la stranìa
Haju persu lu mè figghiu
Pi me nun c’è cunsolu
Cercu paci c’u scuppiddu
Trovu pena, chiantu e dolu

 

Delinquenti, vili e crasti
M’arrubbastu ‘nto jardinu
Ma si esisti u Diu Celesti
Iò cu iddu e vui ‘n ruina
Oh, mè figghiu onestu e piu
Eri un bravu duttureddu
E apposta ti finìu
A malasorti, puvureddu

I mafiusi e u Statu riu
Cumminaru a pantomima
Ti trattaru di Giudeu
E accussì agghiurnò a matina
Pistatu sutt’ê peti
Cu la facci tratturata
L’ossa rutti e chin’i sangu
Suicidio: è la pinsata

‘Un ci bastò mi t’ammazzaru
La calunnia ci mancava
Pi falla bona s’invintaru
Ch’Attiliuzzu si drogava

Oh, bastardi senza cori
Figgh’i matri snaturata
Iò vi mannu ‘u mè duluri
C’a spiranza ormai siccata
Di lu chiantu di ‘na matri
Ch’avi sulu di patiri
Ristavi sula cu to’ patri
E to’ frati ‘un sa’ chi diri

Giustizia vurrìa ‘nterra
Ma nun sacciu commu fari
La to’ bara si sutterra
C’a Virità e u malaffari

Attilio manca
Commu l’aria ‘nta pirrera
Attilio manca
Commu ‘a luci senz’a luna
Attilio manca
Commu u cori ‘nto pettu d’i mafiusi
Attilio, Attilio manca
Commu u ciatu a ‘na matri stanca

#AttilioManca
http://www.orianacivile.it
https://www.facebook.com/orianacivile.it

Gaetano Perricone

Leggi tutti gli articoli