IO IN PINETA MONTI ROSSI
All’Egr. On. Dott. Edgardo Bandiera
Assessore Regionale alle Risorse Agricole e Alimentari
PALERMO

Egr. Assessore,

ci rivolgiamo a Lei perché la consideriamo l’ultima risorsa per scongiurare un grave pericolo che minaccia l’esistenza stessa della pineta dei Monti Rossi di Nicolosi (CT). Negli anni ’30 del novecento la forestale impiantò sui conetti vulcanici formatesi con l’eruzione del 1669, una pineta. I terreni erano di proprietà privata, la forestale di allora proseguì negli anni i propri interventi con diverse opere di rafforzamento e miglioramento del bosco. Negli anni ’50 è stata ultimata la copertura dei monti, poi sono stati realizzati, sempre a cura della forestale, sentieri, opere per il contenimento delle frane, ogni anno venivano approntate i necessari interventi per mitigare il rischio di incendio, ecc.

Alla fine degli anni ’80 il Comune di Nicolosi ha acquisito parte dell’area e successivamente ha stipulato una convezione con l’Azienda Foreste Demaniali di Catania per la prosecuzione della cura del bosco. Nel 2014 la pineta è stata parzialmente interessata da un incendio che ha arrecato gravi danni alle alberature. Gran parte degli alberi incendiati sono ancora a terra e aumentano grandemente il rischio di incendio. Nel 2017, dopo alcune proroghe, l’Azienda di Catania ha deciso di non rinnovare la convenzione con il Comune, da allora l’area è praticamente abbandonata. Infatti, il Comune di Nicolosi non ha le risorse economiche necessarie per la sua manutenzione e l’Azienda fino ad oggi non intende stipulare un nuovo accordo per la cura della pineta.

PINETA MONTI ROSSI 2

3 PINETA MONTI ROSSILa pineta dei Monti Rossi, grazie alla vicinanza ai centri urbani e alle caratteristiche uniche del sito, è un luogo molto frequentato da escursionisti, sportivi, bikers, ecc. E’ meta delle gite fuori porta di migliaia di catanesi. Ai piedi della pineta sorgono delle strutture ricreative comunali gestite da privati: un’area attrezzata, un camping e un parco avventura, frequentate in primavera ed in estate da centinaia e centinaia di persone. Queste strutture sono oggi assieme all’intera pineta esposte ad un forte rischio d’incendio assai superiore a quello che si aveva nel 2014, e il comprensorio catanese perderebbe uno dei suoi più importanti polmoni verdi.

Ci chiediamo perché la struttura forestale che ha creato la pineta e ne ha gestito la manutenzione ininterrottamente dagli anni ’30 oggi non vuole più prendersi cura di essa? Perché il Comune di Nicolosi si è limitato ad un ordinanza del sindaco che vieta l’accesso alla pineta, ma che sicuramente non risolve il problema?

Signor Assessore Le chiediamo un intervento risolutore che possa riconsegnare la pineta alla pubblica fruizione come è avvenuto dagli anni ‘30 in poi con la cura dell’Azienda Foreste Demaniali di Catania.

(Gaetano Perricone). Solo per aggiungere che pubblichiamo integralmente, senza commenti ma con adesione convinta, il testo di questa petizione (che sta raccogliendo molte firme, compresa la nostra) rivolta all’Assessore Regionale alle Risorse Agricole per salvare dal degrado e dal rischio incendi uno dei luoghi più suggestivi e amati alle pendici dell’Etna, che frequentiamo spesso con estremo piacere e con grande godimento per le gambe, i polmoni, il cuore, la mente

 
 
 
 

Gaetano Perricone

Leggi tutti gli articoli