di Antonella De Francesco

Antonella De Francesco

Un film leggero e intelligente, scorrevole e ben articolato – più nella prima parte – l’ultima fatica di Gianni Zanasi, con Alba Rohrwacher, Elio Germano e Giuseppe Battiston, dal titolo Troppa Grazia.

Uno spunto insolito per tracciare uno spaccato della nostra società attuale, tra inganni, malaffare e scarsa fede religiosa, dove soltanto pochissimi fanno i conti con la propria coscienza.  Un film laico che prova a fare i conti con la possibile realizzazione di una straordinaria “apparizione”, attualizzandone modi e forme ma senza scadere mai nella derisione. Anzi, sul finire, avvalorando l’idea che le cose vanno fatte per bene, che bisogna lasciarsi sopraffare dell’onestà e che questa va mostrata ai giovani perché anche loro ne possano comprendere il valore e la bellezza.

TROPPA GRAZIA

Stupenda la fotografia di Vladan Radovic , specie nelle riprese a perdita d’occhio, divertenti i dialoghi, inusuale ma assolutamente centrato il ruolo della Rorhwacher e di Germano.

Peccato che poi il film finisca di fretta, in modo concitato e un po’ approssimativo, come se l’autore ad un certo punto, avesse cercato in una qualsivoglia chiosa, l’unica via d’uscita, lasciando nello spettatore un non so che di incompiuto!

Consigliato.

Antonella De Francesco

Leggi tutti gli articoli