(Gaetano Perricone). Salutiamo con affetto e grande simpatia una nuova, brillante “contributor” del Vulcanico: Federica Lo Sciuto, con i suoi meravigliosi 16 anni, la sua passione e il suo talento per la scrittura, ci offrirà il punto di vista prezioso e illuminante della sua generazione sulla grande complessità del mondo attuale, su quello che succede oggi e che riguarda più da vicino i ragazzi, ma anche su tanti altri temi, cominciando oggi con i problemi della scuola. Non aggiungiamo altro: lasciamo a Federica il piacere di presentarsi, in modo delizioso e originale, e poi leggiamo il suo racconto, da ottima cronista, della recentissima manifestazione studentesca di Catania, corredata da una eccellente videointervista (realizzata in collaborazione con Monica Maimone) a due ragazzi con le idee molto chiare. Grazie di cuore, Federica, ti aspettiamo a braccia aperte con i prossimi articoli.

About me: Federica Lo Sciuto

FEDERICA LO SCIUTO

Sono “figlia d’arte” di nonno e mamma editori, ho mostrato al mondo le mie velleità letterarie sin dalla culla, da sempre immersa nei libri. Anche quando il polso è ridotto all’osso, la scrittura resta sempre il mio asso nella manica. Sono una cercatrice di parole, convinta che le parole siano importanti e vadano coltivate.

Ho 16 anni, sono nata e vivo a Catania. La mia buona carriera di studentessa ancora in corso al quarto anno del Liceo classico Concetto Marchesi di Mascalucia, mi mette alla prova, ma so che ne uscirò con un po’ di nuova conoscenza interiore e spirito critico, che cerco di coltivare anche fuori dalla scuola. Due anni in alternanza scuola lavoro e occasionali collaborazioni nelle attività di famiglia, sono la partenza per guardare verso nuove esperienze.

Il primo aereo da sola l’ho preso a quattro anni e da allora è stato un susseguirsi meraviglioso di viaggi.

Lasciati alle spalle otto anni di danza, nove di corsi di lingua inglese, quattro di corsi di disegno e pittura, quattro di canto, due di pallavolo, uno di piscina, … ho deciso di riappropriarmi di buona parte della mia vita. Da settembre 2017 ho ottenuto l’agognato patentino e guido libera il mio scooter per completare l’opera di riappropriazione del mio tempo.  Da sempre ambientalista convinta, mi appassiona la filosofia e mi piace riflettere sulle tematiche di attualità sociale e culturale.

di Federica Lo Sciuto

16 SCIOPEROIl 22 febbraio anche Catania risponde alla chiamata nazionale e scende in piazza contro un governo che assume sempre più le sembianze di nemico degli studenti. Al centro di critiche e proteste troviamo un esame di maturità stravolto a pochi mesi dalla prova stessa, svuotato di senso critico e artistico-creativo. Dalla prova, infatti, è stata eliminata la tesina, che permetteva agli studenti di mettersi in gioco, studenti che assomigliano sempre più a numeri in serie da archiviare o a cavie da laboratorio spinte dai docenti in una corsa contro il tempo. Inoltre i temi dell’orale verranno estratti a sorte da buste scelte sul momento, e la seconda prova prevederà più materie.

6 SCIOPERO

Il mirino è puntato anche sulla nuova manovra del governo Lega-Cinque Stelle, il quale ha previsto più di 4 miliardi di euro di tagli all’istruzione tra università e scuole pubbliche. Il risultato è una scuola che viene sostenuta da contributi “volontari”, e che cade a pezzi, facendo mobilitare gli studenti con conseguenti proteste e spesso occupazioni. La scuola e l’istruzione devono essere gratuite e garantite per tutti. Alle proteste dei ragazzi il ministro Salvini risponde con il piano “Scuole Sicure”, installando nuove telecamere nei plessi e aumentando i controlli di polizia nelle strutture, favorendo un clima sospettoso e repressivo. “E se il governo non ha fiducia in noi, noi non ne abbiamo in lui”.

22 SCIOPERO

Il “governo del cambiamento” ha proseguito sulla medesima scia dei suoi predecessori, mantenendo l’alternanza scuola-lavoro, che in questi ultimi anni è stata molto discussa, e mai affrontata con i giusti mezzi e/o la giusta preparazione, in molti casi motivo dello sfruttamento degli studenti da parte dei “datori di lavoro”. I nostri studenti in particolare protestano contro questi “fautori di una politica razzista”, e contro la regionalizzazione, “proposta che divide l’Italia in due accentuando la questione meridionale mai appianata, e che crea studenti di serie A e di serie B”. Il coro degli studenti, più vicino oggi al tema dell’immigrazione che mai, urla: “Se la scuola cade o sei disoccupato, la colpa è del padrone, non dell’immigrato”.

18 SCIOPERO

Non solo Catania, ma sono più di 50 le città attraversate dalle manifestazioni, tra le quali troviamo anche Palermo, che scende in corteo con in prima fila uno striscione che attacca proprio il ministro dell’istruzione Bussetti, il quale, rispondendo a una domanda su come le scuole del Sud possano rimettersi al passo con quelle del Nord, ha detto: “Ci vuole l’impegno da parte del Sud, vi dovete impegnare forte. Più fondi? No, più impegno: lavoro, sacrificio, impegno, lavoro e sacrificio”. Lo striscione di risposta degli studenti recitava: “Ci sei mai stato in una scuola del Sud? Bussetti, impegnati tu!”.

13 SCIOPERO

Riporto l’intervista di Luciano Palmeri, alunno del Boggio Lera e organizzatore del corteo che da Piazza Roma è sceso in Piazza Università, e di Giovanni Saeli del Lombardo Radice, fondatore, insieme a Matteo Scandurra e Sergio Zuccarello, del Movimento del 19, e creatore di un documento che contesta le problematiche legate alle nuove riforme e che verrà presto protocollato alla segreteria del Miur, per poi essere consegnato direttamente al ministro Bussetti, invitandovi a firmare questa petizione.

https://l.facebook.com/l.php?u=https%3A%2F%2Fwww.change.org%2Fp%2Fal-ministro-del-miur-marco-bussetti-cambiamo-insieme-il-nuovo-esame-di-maturit%C3%A0%3Frecruiter%3D935729269%26utm_source%3Dshare_petition%26utm_medium%3Dcopylink%26utm_campaign%3Dshare_petition%26fbclid%3DIwAR1spbpma17djMNZeEXkQeqr5-ZiY8MEpqHqAFCYlSLHc4xt1Hz_X6jlI-M&h=AT0AWEG8SZZSNLxG_pAIQoDlikR-5JVzbhNiCrjJfuBhexVcWzwiws139MqksIDuB6iruVIfre4PPP7OhUt02FZ2y-m-_umlCLin4g6EqopC6H8fTCfHXNxoWjLLmjkI5RHr1w

Federica Lo Sciuto

Leggi tutti gli articoli